Archivio mensile: aprile 2015

Conclusione del corso all’IC di Via Dante

Si è da poco concluso il corso all’IC di Via Dante ed è dunque tempo di bilanci e prime prospettive.

Abbiamo dato ai nostri incontri un taglio decisamente pratico, cercando di limitare all’essenziale le presentazioni teoriche per affrontare subito l’esperienza di costruzione, a volte individuale, a volte collaborativa, di oggetti condivisibili in cloud. Abbiamo cercato di dare a questi oggetti una forma che potesse essere in prospettiva utilizzabile per fini didattici o per gestire attività di progettualità condivisa.

cartelle drive

Abbiamo cercato di ragionare sulle potenzialità e sui possibili problemi, pensando soprattutto a ciò che di buono possono introdurre gli strumenti Google nel nostro contesto.

Alla fine, tutti si sono portati a casa una serie di prove ed esperimenti, che ci auguriamo diventino un ricco portfolio di esperienze didattiche in grado di entusiasmare studenti e, perché no, anche genitori.

una riflessione sull’introduzione al Bordoni dell’ambiente Google for education

Buongiorno a tutti,

i docenti del Bordoni hanno esplorato Google Drive, utilizzando diiverse app:

– google documenti: hanno sperimentato  la potenzialità della scrittura condivisa per realizzare programmazioni (di attività fra docenti del consiglio di classe) e lavori collettivi degli studenti. Non sono mancate alcune perplessità dovute ad una maggiore consapevolezza delle diverse modalità di approccio didattico che queste tecnologie richiedono

– mappe mentali con le app Coggle e Mindmup(free, e collaborative): in questo ambito i docenti sono sembrati più rilassati ed hanno molto apprezzato la facilità d’uso  e  la loro  spendibilità per l’acquisizione di un metodo di studio efficace. Sono state  realizzate anche mappe concettuali con un web tool che non richiede registrazione (bubbl.us). L’idea è quella di condurre gradualmente gli studenti dalla creazione di mappe mentali in cui il focus è sui nodi (i concetti chiave) alle mappe concettuali in cui lo sforzo  sta nell’esplicitare i legami fra i nodi, in base a connessioni logiche coerenti. Vorremmo che gli studenti delle classi quinte presentassero le loro tesine con mappe concettuali

– calendar che è stato molto apprezzato in quanto, una volta introdotto, renderebbe visibili   tutte le iniziative della scuola che ad oggi non si è in grado di conoscere a causa di una scarsa comunicazione interna.

Colgo l’occasione per augurare a tutti Buona Pasqua

Aurora